recensione IL-2 Sturmovik: Birds of Prey

IL-2 Sturmovik: Birds of Prey

IL-2 Sturmovik Birds of Prey è un simulatore di volo vero e proprio che cerca di riprodurre nel modo più fedele possibile, l’esperienza di pilotare un’aereo durante la Seconda Guerra Mondiale. Questo gioco, uscito prima per Pc e poi convertito per console, si è guadagnato già un’ottima reputazione nei giochi di simulazione aerea, dopo aver proposto dei combattimenti aerei verosimili ma soprattutto storicamente attendibili, uniti ad un motore grafico veramente eccezionale!

Per esempio in IL-2 Sturmovik Birds of Prey ti basta sparare mentre stai atterrando per sentire il tuo veivolo sbilanciarsi dal rinculo delle mitragliatrici, mentre per portare a termine una manovra di decollo devi stare molto attento ed essere preciso altrimenti cadi giù, visto che gli aerei proposti non sono provvisti di motori a turbo reazione come quelli odierni, ma bensi di semplici motori turbo ad elica!

Naturalmente, a seconda delle tue esigenze, puoi impostare la difficoltà su tre livelli diversi, di cui il più tranquillo, il primo, pur basandosi sulla stessa fisica realistica degli altri, è decisamente più tranquillo e la guida degli aerei risulta molto più semplice, mentre il livello successivo, rimuove buona parte degli aiuti e applica le leggi della fisica con più decisione!

La modalità simulazione di IL-2 Sturmovik Birds of Prey invece, è tosta, puoi giocare solo con la visuale dall’abitacolo senza alcun aiuto, senza radar virtuale, e con una fisica così realistica che il minimo errore può compromettere ogni missione o semplice volo…!

Pubblicazione: 1C Company
Sviluppo: Gaijin Entertainment, DiP Interactive, Beatshapers
Piattaforma: Psp, Ps3, Xbox 360, Nintendo Ds
Modalità di Gioco: Giocatore Singolo e Multiplayer
Uscita: Metà/Fine 2009
Genere: Simulazione