recensione Bionic Commando

Bionic Commando

Bionic Commando, ritorna a 21 anni dal primo sequel ( 1988 ) e ti vedrà vestire i panni del bionico Nathan Spencer, che dopo essere rimasto in carcere per molto tempo ingiustamente, sfugge a morte certa, grazie ad un gruppo di terroristi, che, proprio il giorno della sua esecuzione, sganciano ad Ascension City un ordigno sperimentale che devasta la città… Bionic Commando passa dal piatto 2d al profondo 3d, con modelli tridimensionali e scenari appositamente creati, per esaltare le caratteristiche e le capacità fisiche/bioniche del tuo personaggio.

Praticamente il gioco Bionic Commando, ruota attorno a queste capicità di movimento del protagonista Nathan, ( un pò come l’uomo ragno dai… ), ed infatti, la composizione delle rovine della città hanno un determinato aspetto appunto per questo.

Ascension City come ho già detto prima, è una città ormai devastata da un bombardamento, quindi vedrai un bellissimo scenario 3d, ricco di edifici crollati, strade e rotaie penzolanti nel vuoto, larghi e profondi canyon e dirupi sconnessi, tutti sfruttabili utilizzando le varie tecniche di arrampicamento e dondolamento del tuo uomo bionico. Sei stato tradito dal governo,quindi non ti resta altro che distruggere gli ostacoli che ti si presentano contro e sconfiggere tutti i nemici che vogliono farti fuori, per poi arrivare ai vari boss finali che di sicuro ti daranno del filo da torcere!

Pubblicazione: Capcom
Sviluppo: GRIN
Piattaforma: PlayStation 3, Microsoft Windows, Xbox 360
Uscita: Maggio 2009
Genere: Azione